Archivio mensile:gennaio 2012

Strudel di radicchio e Asiago

Standard

Buongiorno amici! Un’altra ricetta con il radicchio visto che è di stagione, ma questa volta salata! 😉

Ingredienti:

  • una confezione di pasta sfoglia
  • 200 gr di radicchio
  • 150 gr di formaggio Asiago
  • 2 patate medie
  • una cipolla piccola
  • 30 gr di burro
  • 1 uovo
  • 2 cucchiai di grana grattugiato
  • vino bianco
  • sale e pepe

Lessiamo le patate già sbucciate e tagliate a metà in acqua salata. Nel frattempo in un tegame facciamo rosolare nel burro la cipolla tritata, uniamo il radicchio lavato e tagliato e lo facciamo rosolare. Sfumiamo con il vino bianco, saliamo e pepiamo.

Una volta cotte, schiacciamo le patate con una forchetta e le aggiungiamo al radicchio, mescoliamo e facciamo asciugare il composto per pochi minuti sul fuoco. Tagliamo il formaggio a cubetti e lo mettiamo per un minuto in microonde, in modo che si sciolga leggermente e poi lo aggiungiamo al composto con il radicchio e le patate mescolando bene, in modo che leghi il tutto. Per ultimi mettiamo l’uovo e il grana. Quando l’impasto si è raffreddato lo adagiamo sulla pasta sfoglia, la arrotoliamo su se stessa e chiudiamo le estremità in modo da formare uno strudel. Cuociamo in forno a 180° per circa 25 minuti, lasciamo raffreddare leggermente e serviamo.

Buon appetito!

Martina

Dolce al radicchio (al radicio)

Standard

Ebbene sì…non è un errore amici! 🙂 Esiste davvero un dolce fatto con il radicchio rosso. E’ buonissimo, per niente amaro e davvero- davvero soffice! La prima volta che l’ho assaggiato non ci potevo credere… sfidate pure chiunque a capire con cos’è fatto e buon appetito a tutti! 😉

Ingredienti:

  • 150 gr di burro fuso
  • 2 uova
  • un pizzico di sale
  • 250 gr di zucchero
  • 250 gr di farina
  • 250 gr di radicchio (tipo Chioggia)
  • 1 bustina di lievito
  • 1 bicchierino di nocino

Sbattiamo in un mixer le uova con un pizzico di sale e lo zucchero. Aggiungiamo il burro fuso, un bicchierino di liquore nocino e quindi  le polveri: il lievito e la farina. Tagliamo molto sottile il nostro radicchio e con un cucchiaio o una spatola lo amalgamiamo all’impasto. Inforniamo a 180° per circa 45 minuti su uno stampo foderato di carta da forno. Una volta che il dolce si è raffreddato lo spolveriamo con lo zucchero a velo. Io l’ho servito accompagnato con della panna montata ma è ottimo anche da solo con del thè o del latte a colazione. Soffice ma con una crosticina deliziosamente croccante. 🙂

Martina

         

Torta salata di cipollotti in pasta fillo

Standard

Buonasera amici! Una nuova ricetta con la pasta fillo che ammetto, mi sta davvero conquistando… 😉

Ingredienti:

  • un rotolo di pasta fillo
  • mezzo chilo di cipollotti
  • due patate medie
  • sale e pepe
  • vino bianco
  • olio e.v.o.
  • formaggio stagionato

 

Scaldiamo una padella con un filo d’olio e vi mettiamo a rosolare i cipollotti tagliati a fettine sottili. Sfumiamo con del vino bianco, saliamo e pepiamo. Lasciamo quindi rosolare bene. Nel frattempo peliamo le patate e le tagliamo a fettine di circa mezzo cm di spessore. Le immergiamo in acqua salata e le mettiamo sul fuoco lasciandole circa 5 minuti dopo che hanno preso  bollore. Quindi le scoliamo e le lasciamo intiepidire.

Stendiamo la nostra pasta fillo su una pirofila lasciando la maggior parte dei fogli sul fondo ma conservandone alcuni per richiudere la torta salata. Facciamo quindi un primo strato con le fettine di patate, quindi stendiamo i cipollotti e per ultimo il formaggio tagliato a cubetti. Richiudiamo con i restanti fogli di pasta e… voilà, inforniamo a 180° per 20- 25 minuti.

Buon appetito!

Martina

Biscottini alle mandorle

Standard

Eccolo qui..uno dei miei cavalli di battaglia! Vi propongo dei buonissimi e semplici biscottini alle mandorle. Il segreto per farli davvero speciali è nella cottura. Vanno cotti pochissimo ma…vediamoli nel dettaglio 😉

Ingredienti:

  • 5 hg di mandorle sbucciate
  • 4 albumi
  • 3 hg di zucchero
  • 2 fiale alle mandorle
  • 1/2 bustina di lievito
  • un pizzico di cannella in polvere
  • farina q.b.
  • zucchero a velo q.b.

Tritiamo le nostre mandorle molto finemente, fino a farne una farina con l’aiuto di un robot da cucina. Montiamo le nostre chiare a neve e vi aggiungiamo lo zucchero, le fiale alle mandorle, un pizzico di cannella, il lievito e per ultime le mandorle tritate. Aggiungiamo poca farina, quanto basta per amalgamare l’impasto ma ricordandoci che nel fare le palline dovremo sporcarci le mani quindi devono essere davvero molto morbide. Ottenute quindi delle piccole palline le passiamo nello zucchero a velo, le schiacciamo leggermente sulla punta e le disponiamo in una teglia da forno foderata dell’apposita carta. (Io ho provato anche a farne alcune senza lo zucchero a velo, formando delle spirali con un sàc à poche ma bisogna adoperare un pò di forza.) Se volete potete guarnire il pasticcino con una ciliegina candita.

Scaldiamo bene il forno a 180° e inforniamo per soli 10 minuti. Sforniamo subito e lasciamo raffreddare. I biscottini risulteranno dapprima morbidi ma raffreddandosi raggiungeranno la consistenza ideale. Buon appetito a tutti 😉

Martina

          

Timballino di melanzane e mozzarella

Standard

Buongiorno! Oggi vi propongo una ricettina veloce ma leggera, adatta a questo periodo “post-feste Natalizie” 😉 Io la trovo anche molto carina grazie alle mono porzioni e spero piaccia anche a voi.

Ingredienti per 6 timballini:

  • 12 fette circa di melanzana (in questo periodo potete usare anche quelle surgelate)
  • una mozzarella
  • 50 gr di pane bianco
  • un vasetto di panna da cucina
  • salsa di pomodoro
  • olio
  • sale

Prendiamo dei pirottini monoporzione di alluminio e li ungiamo leggermente con l’aiuto di un pennello da cucina. Quindi li rivestiamo con le nostre fette di melanzana lasciandole sporgere dai lati perchè poi dovremo richiudere i nostri timballini. Nel mixer frulliamo insieme il pane, la mozzarella, la panna e aggiungiamo un pizzico di sale. Prendiamo il composto e riempiamo i pirottini. Richiudiamo quindi con le melanzane e mettiamo in forno a 180° per circa 10- 15 minuti. Nel frattempo scaldiamo o prepariamo la nostra salsa di pomodoro. Io l’ho fatta al momento con dei pomodorini ciliegini. Una volta sfornati i timballini li rovesciamo sul piatto e completiamo irrorandoli con la salsa di pomodoro. Davvero buonissimi! 🙂

Martina

Mele al vino bianco e cannella

Standard

Le mele cotte mi ricordano l’ infanzia, quando la mia nonna le preparava sul forno della stufa e un profumino buonissimo inondava la casa. Purtroppo io non ho la stufa a legna ma ho provato a ricreare quei sapori…

 

Ingredienti:

  • 4 mele
  • una stecca di cannella
  • un bicchierino di vino bianco
  • un bicchierino d’acqua
  • due cucchiai di zucchero
  • la buccia di un limone e di un’arancia

Laviamo bene le nostre mele e le disponiamo in una pentola. Cospargiamo con lo zucchero, aggiungiamo l’acqua, il vino bianco, la stecca di cannella e le bucce (che possiamo lasciare intere o grattugiare). Cuciniamo a fuoco lento per circa mezz’ora e serviamo ancora calde e con un pò del loro sughetto.

Martina

 

Pinza della Befana

Standard

La pinza della mia mamma è l’unica che mangio voracemente. 🙂 Rimane soffice dentro ma croccante in superficie anche grazie allo zucchero di canna che si versa sopra e, se come me, pensate sia una cosa complicata da realizzare, beh…vi dovrete ricredere! 😉

Ingredienti:

  • 1/4 di l d’acqua
  • 1/2 l di latte
  • un pizzico di sale
  • una manciata di semi di finocchio
  • 150 gr di farina da polenta
  • 200 gr di burro
  • un pacchetto di fichi secchi
  • un pacchetto di uvetta
  • una manciata di noci sgusciate
  • 200 gr di zucchero
  • 1 bicchiere di vino bianco
  • 1 bicchierino di rum
  • 1 bicchierino di grappa
  • 2 bustine di lievito per dolci
  • farina 00 q.b.
  • 2 cucchiai di zucchero di canna

Versare in una pentola il latte, l’acqua, i semi di finocchio e un pizzico di sale e portare ad ebollizione. Versare quindi la farina da polenta a pioggia e mescolare bene con una frusta. Aggiungere i fichi, il burro, l’uvetta, lo zucchero, le noci e tutti gli alcolici. Togliere dunque la pentola dal fuoco ed amalgamare il lievito e farina quanto basta a creare un impasto morbido, non duro.  Ovviamente le dosi di fichi, uvetta, semi di finocchio e noci possono variare a seconda dei vostri gusti. Io sono riuscita a trovare al mercato della frutta secca davvero ottima e se avete la possibilità di fornirvi da qualcuno di fiducia la vostra pinza ne guadagnerà sicuramente. Versiamo quindi il composto in uno stampo grande oppure in due stampi più piccoli come ho fatto io ed inforniamo a 180° per circa un’ora. A metà cottura abbassiamo la temperatura a 160° e cospargiamo la superficie della pinza con dello zucchero di canna. Finiamo quindi di cuocere.

Buon appetito! 😉

Martina