Archivio mensile:settembre 2012

Luca Montersino ospite di Pordenonelegge

Standard

Amici,

la settimana appena trascorsa mi ha vista partecipare ad un bellissimo evento nell’ambito del festival culturale Podenonelegge, Festa del libro con gli autori.

Luca Montersino, è stato ospite di Cucina33, dove ha presentato la sua ultima fatica: “La Pasticceria dolce e salata senza glutine secondo l’Etoile”. Vi riporto di seguito le poche righe di presentazione all’incontro.

Un’opera pionieristica con ricette senza glutine dolci e salate buonissime. Prodotti da forno, piccoli dolci, torte innovative e prodotti salati, fanno di questo volume un must approvato dalla AIC (Associazione Italiana Celiachia). “Nulla di più bello del vedere gli occhi di una mamma che ti ringraziano per aver fatto un buon dolce per suo figlio celiaco”. dice Montersino. (…)

Luca ha spiegato come, nel momento in cui gli è stata prospettata la stesura di una simile opera, avesse davanti a sè due strade: utilizzare semplicemente le tante ricette che non prevedono l’utilizzo di prodotti con glutine oppure tentare una nuova sfida: esplorare il difficile mondo dei lievitati. Ha scelto la seconda, ça va sans dire! E’ questo che fa del suo libro un’opera davvero innovativa. Con tanti sacrifici, tentativi e sperimentazioni ci ha spiegato che crede di essere davvero riuscito a inventare delle buone ricette  per celiaci e non. Perchè mangiare in modo sano e salutare vuol dire anche tentare di percorrere strade sconosciute, senza spaventarsi dai nomi nuovi di prodotti mai sentiti. Provare per credere, dice Montersino. Instancabile oratore, Luca ha spiegato qual è stato il suo percorso professionale, quali le direzioni che il suo laboratorio sta prendendo senza essere parco né di parole, né di buoni consigli.

Personalmente credo invocherò il suo spirito la prossima volta che tenterò qualche nuova sperimentazione dolce in cucina vista la manualità e la semplicità con la quale sembrano riuscirgli anche le cose più complicate. Una perfezione da far quasi rabbia.  Che il buon Luca mi assista. Amen.

Martina

   

 

Involtini di petto di pollo e zucchine

Standard

Buongiorno amici e bentornati nella mia cucina! Non sapete cosa preparare per pranzo? Ecco un’idea facile e veloce con ingredienti dell’orto per assaporare ancora le ultime buone verdure di stagione.

 

Ingredienti:

  • 1 petto di pollo tagliato a fettine
  • 200 g di zucchine
  • 1 spicchio d’aglio
  • alcune foglie di salvia
  • 1 rametto di rosmarino
  • 300 g pomodorini
  • olio evo q.b.
  • vino bianco
  • farina di mais fioretto q.b.
  • sale q.b.
  • pepe q.b.
  • (spago da cucina)

 

Prendiamo le nostre fettine di petto di pollo e, dopo averle disposte su della carta da forno, le battiamo leggermente con un batticarne. Saliamo e pepiamo.
Rosoliamo uno spicchio d’aglio in olio ed erbe aromatiche, e vi saltiamo le zucchine tagliate a fiammifero. Dopo pochi minuti saranno cotte.

Recuperiamo le zucchine e nello stesso fondo di cottura saltiamo velocemente anche i pomodorini, per poi metterli da parte tenendo sempre la stessa padella a disposizione. Saliamo e pepiamo tutte le verdure.

Farciamo il pollo con le zucchine e una spolverata di farina per polenta. Arrotoliamo le fettine e le leghiamo con lo spago.

Spolverizziamo ancora con farina da polenta e mettiamo in cottura il pollo nella stessa padella. Lo facciamo rosolare, aggiungiamo i pomodorini e le eventuali zucchine avanzate.

Portiamo dolcemente a cottura (20 minuti circa) sfumando con del vino bianco.

Buon appetito!

Martina                                                                                                                                                                          

 

La pizza

Standard

Buongiorno a tutti! Lo so…è passato un bel pò di tempo ma ora rieccomi, pronta ad iniziare questa nuova stagione con tante buone ricettine. 🙂

Per ripartire alla grande un classico dei classici: la pizza. Quella fatta in casa, morbida, alta e deliziosa. Le ricette per le pizze abbondano, non ci sono dubbi. Io vi presento quella che mi piace di più e che mi ha regalato mia cugina Lara. Ha una lievitazione di ben 24 ore e questo fa in modo che la pasta sia molto digeribile e soffice. Provatela! Non ve ne pentirete. Buon lavoro e buon inizio settimana! 😉

      

 

Ingredienti:

  • 1 bustina di lievito di birra secco
  • 250 gr di farina di farro
  • 750 gr di farina di grano duro
  • 700 gr di acqua
  • 20 gr di sale
  • 40 ml di olio e.v.o.
  • Ingredienti a piacere per la guarnizione

Iniziamo mescolando le due farine in una ciotola. Aggiungiamo l’acqua un pò per volta continuando a mescolare. Quindi il lievito e mescoliamo ancora.

Lasciamo riposare per 10 minuti e iniziamo a piegare le “estremità” dell’impasto dall’esterno verso l’interno usando le mani. Aggiungiamo il sale e l’olio e impastiamo. Formiamo una pallina e la lasciamo riposare 10 minuti per poi lavorarla di nuovo. Procediamo così per altre 5 volte.

Dividiamo quindi l’impasto in due parti, lo disponiamo in due diversi contenitori capienti ben ricoperti di pellicola. Lasciamo riposare nella parte bassa del frigo per 24 ore. Il giorno seguente lavoriamo quindi  brevemente l’impasto con l’aiuto di un pò di farina e bagnandoci le mani con un pò d’olio per aiutarci. Con le dosi indicate potete tranquillamente riempire due placche da forno. L’impasto risulterà molto elastico quindi ci vorrà un pò di pazienza nello stenderlo. Io non uso il mattarello ma semplicemente le mani.

Non ci resta quindi che guarnire seguendo i nostri gusti: pomodoro, mozzarella, verdure…sbizzarritevi! Ricordate però di aggiungere solo alla fine gli ingredienti già cotti come le verdure grigliate oppure i salumi. In genere io faccio una “pre-cottura” solo con la salsa di pomodoro e quando mancano circa 10 minuti perchè la pasta sia pronta aggiungo la mozzarella e gli altri ingredienti che non necessitano di essere cotti.

Ricordate di scaldare bene il forno a 200°. La pizza sarà poi pronta in circa 30 minuti ma ve ne accorgerete anche dal delizioso profumino che invaderà la vostra cucina.

Buon appetito!

Martina

 

Oppure…. 🙂